FLUCTUS, RIFLESSIONE SULLE DECLINAZIONI DEL VIAGGIO

4 giugno ore 18

LA NATURA VISTA DAI BAMBINI laboratorio di pittura

marzo 19, 2018

FLUCTUS, RIFLESSIONE SULLE DECLINAZIONI DEL VIAGGIO

4 giugno ore 18

    Un’iniziativa realizzata in collaborazione con il Festival delle Colline Torinesi.Durante l’incontro interverranno: VICO QUARTO MAZZINI-TEATRO, MASSIMILIANO DE SERIO-CINEMA, ROBERTA DI CHIARA-SOCIETA’ CIVILE, MALVINA CAGNA-LIBRI E LETTERATURA, FRANCESCO VIETTI-VIAGGI E CULTURA.
    Al termine dell’incontro verrà offerto a tutti i partecipanti un aperitivo. Fluctus è una parola latina che significa onda. Sono le onde del mare che sospingono verso l’Europa molte migliaia di profughi africani, o li respingono, li inghiottono durante pericolose, disperate, traversate. Anche coloro che non arrivano dal mare, altri migranti, sembrano disegnare sulle cartine geografiche del pianeta con il loro movimento un succedersi di onde. Il termine fluctus è pure utilizzato per identificare strutture geologiche ondulate. È giusto pensare che le società contemporanee, la comunità italiana stessa, siano segnate, come le rocce, da queste ondate di nomadismo. L’identità europea è stata modificata profondamente dalla presenza di tanti viaggiatori e lo sarà in futuro. Essi non sono un mondo a parte, ma una parte del nostro mondo.
    Per riflettere sul tema di questa 23 edizione, il Festival delle Colline Torinesi in collaborazione con l’associazione Pratici e Vaporosi promuove un pomeriggio di discussione sul viaggio, nelle sue varie accezioni: il viaggio dei migranti, il viaggio della scoperta, il viaggio della sperimentazione (letteraria, artistica, teatrale). Sotto il segno della parola chiave della 23 edizione del Festival: Fluctus.
    Un momento per approfondire e confrontarsi con ospiti del cinema, del teatro, della letteratura e della società civile. Moderano l’incontro Sergio Ariotti, direttore artistico del Festival delle Colline Torinesi e Giuliana Pititu, associazione Pratici e Vaporosi.

    Lunedì 4 giugno – ore 18

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *